BEAUTY WORDS

ANTIOSSIDANTI
Ritardano i fenomeni ossidativi. Quelli più utilizzati sono BHT, BHA, acido ascorbico.

BIOSSIDO DI TITANIO
Polvere bianca, dotata di ottimo potere coprente. Si usa nelle polveri aspersorie e nelle ciprie alla dose del 5-10%.

CARBONATO DI CALCIO
Si presenta come una polvere bianca microcristallina che ha buone proprietà assorbenti. Si ottiene facendo reagire un sale solubile di calcio con un carbonato alcalino. Si lava il precipitato ottenuto fino a quando l'acqua di lavaggio non si intorbida più in presenza di nitrato d'argento. Si secca a 100°C. 

CERA CARNAUBA
Detta anche cera del Brasile, è un essudato delle foglie di Copernicia Cerifera (foglie di palma). E' una cera giallognola che viene sbiancata per uso cosmetico.


CERA D'API
Cera naturale formata dal favo delle api. E' costituita da alcoli, idrocarburi, acidi grassi e altre sostanze insolubili in acqua.


CERA DI JOJOBA
E' una cera liquida ottenuta dai semi di Simmondisia Californica.

CERA PARAFFINICA
E' ottenuta dal petrolio. Viene usata nelle preparazioni cosmetiche che richiedono consistenza solida.


CIPRIA
Prodotte sotto forma di polvere o formelle compatte, hanno funzione estetica e servono a mascherare le imperfezioni della pelle. Contengono sostanze coloranti ed altri ingredienti che sono in grado di conferire proprietà eudermiche, difensive, antiallergiche, coprenti, adesive o assorbenti.

COSOLVENTE
Solvente che in combinazione aumenta la solubilità. Solitamente i sistemi più usati sono miscele di acqua con etanolo, sorbitolo, glicerolo, propilenglicole, PEG 200, 300, 400.


EMULSIONI
Sistemi formati da almeno due parti liquide immiscibili. Le più comuni sono A/O (acqua in olio) ad azione occlusiva, e O/A (olio in acqua) facilmente asportabili. Il latte detergente è un esempio di emulsione.

EMULSIONE OLIO/ACQUA (O/A)
Costituita da una dispersione di olio nella fase interna in acqua quale fase continua esterna.

EMULSIONE ACQUA/OLIO (A/O)
Consiste in una dispersione in cui l'olio è la fase esterna e l'acqua quella interna.

EMULSIONI DUPLICI O MISTE
Consistono in emulsioni O/A disperse in fase oleosa ed in emulsioni A/O disperse in fase acquosa.

EMULSIONI LIBERE/PRIVE DI EMULSIONANTI
Sono ottenute mantenendo la stabilità della dispersione delle due fasi mediante un "colloide protettore" o in genere un "modificatore reologico".

ESSENZE
Sono costituite da miscele complesse di sostanze organiche per lo più volatili, di costituzione chimica diversa, contenute in diverse piante dove sono localizzate in particolari tessuti. Comprendono oli essenziali, oli volatili, oli eterei.                                                                                                                                                                                                                                               ESTRATTI VEGETALI
Preparazioni liquide (estratti fluidi), solide ( estratti secchi), di consistenza intermedia (estratti molli) o pastosa (estratti pastosi), ottenute a partire da droghe vegetali (fiori, frutti, semi, foglie, radici, cortecce) in solventi idonei ad asportare i principi attivi.


FITOCOSMETICI
Preparati cosmetici nella cui formulazione troviamo prodotti di origine vegetale. Le parti di una pianta che possono essere utilizzate per la preparazione di fitocosmetici sono radici, fusto, corteccia, foglie, fiori, frutto o l'intera pianta.

LANOLINA
Detto anche grasso di lana, è un prodotto ottenuto con vari metodi di estrazione e purificazione, dall'untume della lana, escreto dalla ghiandole sebacee della pelle delle pecore ed isolato durante il lavaggio della lana.

MACERAZIONE
Metodo estrattivo che consiste nel lasciare soggiornare a freddo una droga nel suo solvente per un determinato tempo. E' usato quando la droga si altera con il calore e anche quando il suo solvente non può essere riscaldato. Il prodotto della macerazione in acqua pende il nome di estratto acquoso, in alcool di tintura, in vino di vino medicamentoso, in aceto di aceto aromatico, in olio di olio aromatico/medicamentoso

OLIO DI ARACHIDI
Viene usato in miscela con altri grassi, cocco e palma, per fornire ottimi saponi.

OLIO DI AVOCADO
Grazie all'elevato contenuto di fitosteroli, passa bene lo strato corneo dell'epidermide svolgendo azione eudermica. E' ricco di acidi grassi insaturi, di vitamine A e del gruppo B e possiede anche piccole percentuali di tocoferolo. Viene usato come nutriente. Le dosi di impiego sono 5-10%.

OLIO DI BORRAGGINE
Ha un alto contenuto di acido gamma-linoleico, un acido grasso insaturo molto raro in natura. Viene usato in dermofarmaceutica in quanto aiuta a ripristinare una buona funzionalità di barriera nella cute danneggiata dal sole o da altri fattori di danno. Per essere di buona qualità deve essere spremuto a freddo e non estratto con solventi altrimenti si perde la quota di acido gamma-linoleico. Ha un odore sgradevole. Dosi d'uso 1-5%.

OLIO DI COCCO
Ha un punto di fusione di 25-26°C per cui si presenta a temperatura ambiente come una massa solida. E' indicato nella preparazione degli oli solari, creme e saponi a schiuma fine.

OLIO DI MACADAMIA
Ricco di acido palmitoleico, è una rarità nell'ambito dei derivati vegetali. E' indicato nelle preparazione per pelli squamose e pruriginose, con forte disidratazione. Dose di impiego 5-20%.

OLIO DI JOJOBA
E' in realtà una cera liquida con carattere di monoestere e non di trigliceride. Può essere usato in preparati filmanti e in latti detergenti, in creme idratanti, nei prodotti solari e negli oli da massaggio. Dose di impiego 3-15%.

OLIO DI MANDORLE DOLCI
Oltre come solvente viene usato come emolliente, protettivo e seborestitutivo.

OLIO DI OENOTHERA
Contiene significative quantità di acido gamma linoleico. Deve essere ottenuto a freddo.
Ha le stesse applicazioni dell'olio di borragine.

OLIO DI SESAMO RAFFINATO
E' un liquido di colore chiaro con bassi valori di acidità. Contiene una buona percentuale di insaponificabile. Particolarmente ricco di sesamolo e sesamolina, due sostanze che lo rendono molto resistente all'ossidazione, le sue dosi di impiego sono tra il 5 e il 10 %.

OLIO DI VINACCIOLI
Olio limpido, brillante ricco di acido linoleico. Molto adatto per pelli secche. Dose d'uso 2-10%.

OLIO DI GERME DI GRANO
Si ottiene per pressione idraulica del germe di grano, in modo da conservare la sua ricchezza di vitamina A, vitamina F e tocoferolo. E' un olio con grande funzionalità dermocosmetica, estremamente nutriente per la cute. E' facilmente ossidabile e non ha un buon odore. Dose di impiego 5-10%.


OSSIDO DI ZINCO
Polvere bianca,amorfa, insipida, insolubile in acqua. Si prepara per combustione dello zinco metallico all'aria a 800-900°C.

OZOCHERITE
Detta anche cera minerale è costituita principalmente da idrocarburi. La sua caratteristica principale è la plasticità.


POTERE COPRENTE
Capacità di una sostanza di impartire opacità alla pelle/ovvero il potere di riflettere la luce incidente. Aumenta quando la forma delle particelle tende alla sfericità oppure quando vengono aggiunti pigmenti gialli o neri alle polveri bianche. Tra le sostanze che hanno un buon potere coprente troviamo carbonato di calcio, carbonato di zinco, lipotone, stearato di zinco, stearato di alluminio.

SPERMACETI
Cera naturale ottenuta per raffreddamento del liquido lattescente contenuto nella cavità pericraniale di alcuni cetacei. Purificando questa cera si ottiene il bianco di balena usato in cosmetica,una cera bianca, untuosa, traslucida e leggerissima.


STEARATO DI MAGNESIO
Polvere bianca, soffice, insolubile in acqua, solubile a caldo in etanolo. Ha uno scarso potere coprente, aderisce bene alla pelle e svolge una buona azione assorbente nei riguardi di una eccessiva secrezione grassa cutanea. Impiegato nei talchi alla dose 2-5%, nelle ciprie al 3-20%.

STEARATO DI ZINCO
Polvere bianca, amorfa, leggera, insolubile in acqua, alcool, etere ma solubile in benzene, oli e grassi. Si stende bene sulla pelle e possiede un ottimo potere aderente ed astringente. Impiegato al 5-10% nei talchi e al 2-20% nelle ciprie.

TALCO
Silicato di magnesio idrato contenente tracce di ferro, di alluminio e arsenico. Si trova in natura in masse fogliacee, compatte o fibrose. E' untuoso al tatto.

Nessun commento:

Posta un commento